Stop ai petardoni e ai razzi: ce lo impone il Ministero dell’Interno attuando una nuova direttiva

893 views
  • Con l’entrata in vigore delle direttive europee in materia pirotecnica, il nostro Ministero dell’Interno attua e dirama, attraverso la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, una circolare ministeriale che noi di piroweb.eu vi mostriamo sotto e che è così protocollata: 557/PAS/U/015805/XV.H.MASS(77)BIS del 14.10.2016.

Predetta circolare è molto restrittiva per l’intero settore e trova dissapori tra gli addetti ai lavori in quanto, sinteticamente parlando, vieta la vendita nelle minute vendite (negozi pirotecnici autorizzati) dei famosissimi petardoni nonché razzi di un determinato genere. 

Pertanto, a far data dal 4 ottobre c.a. è stata vietata la detenzione presso le minute vendite, di:

  • razzi con un contenuto esplosivo netto (NEC) complessivo superiore a grammi 75, con una carica di lampo e di apertura, se presente, superiore a grammi 10 di polvere nera o grammi 4 di miscela a base di nitrato e metallo, o grammi 2 di miscel a base di perclorato e metallo;
  • petardi con un contenuto esplosivo netto (NEC) di materiale scoppiante attivo superiore a grammi 6 di polvere nera, o superiore a grammi 1 di miscela a base di nitrato e metallo, o superiore a grammi 0.5 di miscela a base di perclorato e metallo. 

  La normativa prevede entro il 4 luglio 2017 lo smaltimento delle giacenze di magazzino presenti alla data del 4 ottobre 2016.

Sui social network, sono tanti i commenti negativi in merito ma molti sono anche positivi. Il nostro ministero è tenuto ad attuare le normative che “superiormente” vengono impartite e quindi tutto il settore pirotecnico italiano dovrà per forza di cose attenersi scrupolosamente a quanto impartito per non incorrere in sanzioni penali ed amministrative previste dalla vigente normativa.

Clicca sul link sotto per scaricare la circolare.

circolare-557-pas-u-015805-xv-h-mass-77-bis-decreto-del-ministro-dell-interno-16-agosto-2016

Fonte: www.poliziadistato.it

Commenta l'articolo:

commenti