Scorrano: i lumi di Santa Domenica 2017

1.255 views

Il culto di Santa Domenica ha rappresentato sempre nei secoli l’elemento distintivo della comunità scorranese. Ai festeggiamenti in onore della Santa Patrona si deve l’esplosione dell’arte delle Luminarie che, in continuità con la tradizione dell’uso ornamentale del legno, ha reso Scorrano famoso nel mondo ed ha visto le aziende locali affermarsi sul piano internazionale.
Quest’anno l’Associazione di Volontariato Promuovi Scorrano ha voluto riproporre un appuntamento, interrotto per alcuni decenni, che caratterizzava le feste natalizie e che si inseriva nell’ambito dei momenti nei quali la comunità cittadina si stringeva intorno a Santa Domenica.
Una giornata dedicata ai tanti emigranti che, tornati in occasione del Natale per passare le festività con i familiari, incontrare amici e rivedere il paese, volevano onorare la loro Protettrice.
Nasce così “I Lumi di Santa Domenica” che si terrà a Scorrano il 29 dicembre.
Quando la Santa apparve nel 1600 ad una giovane donna sorranese chiese che ogni nucleo familiare accendesse un lume a suo ricordo e devozione e così si fece per secoli.
Ecco che il 29 dicembre il centro storico si illuminerà di una luce fioca, ma calda di centinaia di lumi che accompagnerà le reliquie di Santa Domenica per un breve percorso dalla Chiesa Matrice al luogo sulla cinta muraria dove avvenne l’apparizione.
Rivivranno tutti i colori, i suoni e gli odori dell’antica tradizione in cui la fede si unisce al folklore ed alla cultura del nostro territorio.
Non potevano mancare a Scorrano i fuochi piromusicali e la degustazione di pietanze tipiche natalizie a cui si aggiungerà il lancio in cielo delle lanterne con i pensierini che i bambini presenti vorranno scrivere.
Subito dopo la cerimonia religiosa, che inizierà alle 17,00 , partirà la festa con un’altra chicca che Promuovi Scorrano ha voluto presentare: IL FUMETTO DI SANTA DOMENICA, la storia della Santa riprodotta in fumetto che verrà proiettata .

Ecco la locandina ufficiale. Si ringrazia il sig. Vito Maraschio per la collaborazione.

Commenta l'articolo:

commenti